Israele ha aperto i suoi confini ai turisti non vaccinati dal 1 marzo

0 302

A due anni dall'inizio della pandemia, il turismo in Israele riapre completamente i suoi confini. Dal 1 marzo Israele consentirà a tutti i turisti di entrare nel suo territorio, indipendentemente dallo stato di vaccinazione contro il COVID-19.



Domenica 20 febbraio 2022, il primo ministro Naftali Bennett, il ministro della Salute Nitzan Horowitz e il ministro del Turismo Yoel Razvozov hanno deciso di allentare significativamente le restrizioni, che sono state adottate in un contesto di nuovi casi di coronavirus in calo nelle ultime settimane.

Viaggio gratuito in Israele dal 1 marzo

Le nuove normative entreranno in vigore il 1 marzo 2022 e i turisti di tutte le età potranno entrare in Israele indipendentemente dallo stato di vaccinazione contro il COVID-19. L'unica condizione imposta dallo stato israeliano saranno due test PCR, uno eseguito prima del volo e l'altro all'atterraggio in Israele. Fino all'arrivo del risultato o massimo 24 ore, i turisti dovranno isolarsi all'indirizzo che dichiareranno e non saranno accettati test antigenici.

Israele ha mantenuto una rigida politica di confine per tutta la pandemia. Il paese ha chiuso i suoi confini per la prima volta nel marzo 2020 e non li ha riaperti fino al 1 novembre 2021. Poco dopo, il governo israeliano ha deciso di mantenere chiusi i suoi confini fino alla fine del 2021, in mezzo all'onda Omicron. Nel primo trimestre di quest'anno, i funzionari israeliani hanno annunciato che i turisti provenienti da tutto il mondo avrebbero dovuto incontrarsi nel loro paese se fossero stati vaccinati, se avessero avuto il COVID o avessero avuto un test PCR negativo con un massimo di 72 ore all'ingresso. Israele (nel caso di persone non vaccinate).

All'ingresso in Romania, i cittadini non vengono messi in quarantena se sono stati vaccinati o se sono stati malati negli ultimi 6 mesi o se hanno un test RT-PCR negativo (eseguito con 72 ore di anticipo). La quarantena di 5 giorni sarà applicata alle persone che non sono state vaccinate o non sono state contagiate negli ultimi 6 mesi, comprese quelle che non hanno un test RT-PCR negativo (effettuato con 72 ore di anticipo).

Al fine di semplificare il viaggio in Israele e garantire che i turisti siano adeguatamente informati sui requisiti da soddisfare prima e durante il viaggio, il Ministero del Turismo israeliano ha anche creato un sito Web dedicato alle condizioni di viaggio nel contesto del COVID. Si può accedere a questo link: https://israelsafe.com.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.