L'Italia è diventata il primo paese europeo ad annunciare restrizioni più severe sui turisti americani

0 334

A causa dell'aumento del numero di casi di coronavirus negli Stati Uniti, L'Unione Europea ha eliminato gli Stati Uniti dalla sua "lista sicura" dei paesi per i viaggi non essenziali e ha formulato una raccomandazione formale ai 27 membri dell'UE di ripristinare le restrizioni di viaggio per i viaggiatori statunitensi.



Il 31 agosto 2021, l'Italia è diventata il primo paese europeo ad annunciare restrizioni più severe per i turisti americani che entrano nel paese. Tutti i viaggiatori che sono stati negli Stati Uniti negli ultimi 14 giorni sono soggetti a maggiori protocolli prima di entrare in Italia. Indipendentemente dal loro stato di salute e stato vaccinale, devono presentare un test PCR negativo da eseguire entro i primi 3 giorni dall'ingresso nel territorio italiano.

I viaggiatori non vaccinati devono essere messi in quarantena per cinque giorni dopo l'arrivo in Italia e testati nuovamente per il coronavirus, anche se il test iniziale era negativo. Le nuove restrizioni sono in vigore fino - almeno - al 25 ottobre 2021.

Queste restrizioni più severe si applicano anche ai viaggiatori provenienti da Giappone, Canada e Israele, che ora stanno affrontando una nuova ondata di ondate di coronavirus.

I viaggiatori che desiderano accedere ai siti archeologici, ai teatri e alle sezioni interne di ristoranti, caffè e bar italiani devono presentare un "Green Pass", che mostra la prova della vaccinazione, la prova di guarigione o la prova di un test negativo. È inoltre necessario compilare un modulo di tracciamento dei contatti in modo che tutti i turisti possano identificare i cluster in caso di epidemia di virus.

Nel 2019, più di 5.6 milioni di americani hanno visitato l'Italia. Gli americani costituiscono il gruppo più numeroso di viaggiatori internazionali in Italia e contribuiscono all'economia italiana per circa 2.8 miliardi di dollari.

Dal 6 agosto Il certificato digitale UE COVID-19 è obbligatorio in una varietà di spazi pubblici chiuso e affollato in Italia. Dal 1° settembre il Green Pass è obbligatorio anche su treni, traghetti e aerei. Il Green Pass è richiesto anche per gli italiani che vogliono volare tra i paesi dell'UE, nell'ambito dell'UEDCC.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.