Gli italiani potranno viaggiare tra le regioni, dal 26 aprile.

0 329

Per viaggiare tra le regioni della zona arancione o rossa, a partire dal 26 aprile, gli italiani dovranno presentare un certificato attestante che sono stati vaccinati, immunizzati o fornire alle autorità un test PCR negativo, non più vecchio di 48 ore. Il decreto governativo entrerà in vigore lunedì e gli italiani potranno viaggiare nelle zone a maggior rischio epidemiologico.

Il comitato tecnico-scientifico dovrà esprimere il proprio parere sulla “graduale riapertura” annunciata in conferenza stampa dal presidente del Consiglio Mario Draghi e finalizzare i dettagli del provvedimento che consentirà i viaggi.

I governatori di centrodestra e alcuni esponenti di Italia Viva, chiedono un cambio dell'orario fino a che i residenti possono viaggiare, dalle 22:00 alle 23:00, e la riapertura dei ristoranti (al chiuso) da fare il 15 maggio, presso Almeno a pranzo, non il 1 giugno, come da programma.

Italiani vaccinati, immunizzati o testati potranno viaggiare per turismo in Italia.

Di questo si parlerà durante l'incontro tra il governo italiano ei presidenti delle regioni ed è possibile che il decreto includa una norma che prevede modifiche se la curva epidemiologica diminuisce. Non a caso, il ministro degli Affari regionali - Mariastella Gelmini, ha sottolineato che "il modo in cui ogni cittadino si comporterà farà la differenza: più siamo prudenti e responsabili, più velocemente torneremo alla normalità ”.

Gli italiani potranno viaggiare, a partire dal 26 aprile. Per viaggiare tra le regioni che si trovano nella zona gialla e quelle che si trovano nella zona è nelle aree arancioni o rosse, ci sarà bisogno di una ragione. Sarà possibile viaggiare solo per motivi di lavoro, per studio, per risolvere problemi medici o in caso di grande emergenza.

Tuttavia, ci sarà un'eccezione: Agli italiani sarà richiesto di presentare un certificato attestante che sono stati vaccinati, immunizzati o mettere a disposizione delle autorità il risultato negativo di un test PCR, non più vecchio di 48 ore. Coloro che soddisfano uno dei tre requisiti potranno viaggiare per turismo. Il decreto impedisce la stagione estiva, in quanto consente ai cittadini di fare piani di viaggio per l'estate.

Gli ultimi rapporti dell'Istituto superiore di sanità hanno concluso che le restrizioni devono essere allentate.

La scelta operata dalla Camera di controllo è quella di vietare ai cittadini di circolare dopo le 22:00, restrizione valida fino a fine maggio. Una decisione che molti governatori contestano. Infatti l'apertura di ristoranti nelle regioni della zona gialla, solo all'aperto, limita il numero di clienti e per questo motivo è stato richiesto che i cittadini possano viaggiare senza restrizioni fino alle 23:00.

Tuttavia, questa è un'opzione che gli scienziati sembrano disposti a rifiutare, ritenendo che ciò aumenterà il numero di casi. D'altra parte, gli ultimi rapporti dell'Istituto superiore di sanità hanno concluso che le restrizioni devono essere ridotte.

Il premier Mario Draghi ha annunciato che ciò sarà consentito dal 1 giugno, ma alcuni presidenti regionali ne chiedono l'apertura il 15 maggio. "Per non penalizzare chi non può utilizzare gli spazi esterni e quindi non potrà riprendere i lavori in questo momento". Una posizione che difficilmente verrà accettata. Tuttavia, potrebbe esserci un compromesso: i locali che non hanno spazio per una terrazza potrebbero utilizzare posti auto gratuiti per apparecchiare i tavoli negli spazi esterni.

CTS analizzerà anche i protocolli relativi alle attività sportive. I gestori delle palestre stanno spingendo per essere equiparati alle piscine e chiedono di poter riaprire le strutture, anche se con protocolli rigidi e lezioni individuali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.