Il Ministero della Salute bulgaro ha approvato una direttiva con nuove misure sanitarie

0 209

I dirigenti di tutte le amministrazioni bulgare devono organizzare il processo lavorativo, fissando l'orario di lavoro con limiti variabili e l'inizio della giornata lavorativa tra le 7.30 e le 10. Sono inoltre tenuti ad assegnare da remoto almeno il 50% del personale, a meno che, a seconda per la natura del lavoro, questo non è possibile.



Queste direttive sono menzionate nell'Ordine emesso dal Ministro della Salute Dr. Stoycho Katsarov. "In questo modo, il flusso di passeggeri nel trasporto urbano e interurbano in tutto il Paese sarà notevolmente ridotto, il che facilita sia il rispetto delle misure antiepidemiche sia l'attuazione di un efficace controllo sanitario"., ha detto il ministro.

L'ordinanza prevede inoltre che tutti i datori di lavoro e le autorità, ove possibile, organizzino il processo lavorativo a distanza, consentendo a un massimo del 50% dei dipendenti di lavorare dall'ufficio.

Secondo la stessa ordinanza, al fine di ottemperare alle restrizioni epidemiche imposte, non può essere applicata la limitazione al 50% della capacità di determinati siti o eventi, a condizione che:

  • Il 100% del personale a quell'evento è stato vaccinato
  • ha sofferto di COVID-19
  • può mostrare un risultato negativo ottenuto dopo aver eseguito un test PCR non più vecchio di 72 ore prima di entrare nel sito.

Questo deve essere certificato da un documento.

A tal fine, il gestore del sito o l'organizzatore dell'evento deve aver preso una decisione e istituito un dipartimento per ammettere le persone che sono state vaccinate, si sono riprese dall'infezione da COVID-19 o hanno un esito negativo.Test PCR.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.