Più di 100 aerei privati ​​di proprietà di oligarchi russi sono bloccati a Dubai!

0 337

Gli aerei privati ​​degli oligarchi russi, che sono volati a Dubai per cercare rifugio dalle sanzioni occidentali in seguito all'invasione russa dell'Ucraina, sono effettivamente bloccati lì, secondo il Wall Street Journal.



Pertanto, più di 100 aerei sono rimasti inattivi negli aeroporti di Dubai dall'inizio della guerra. Il giornale ha citato immagini e dati satellitari della società di ricerca aerospaziale WINGX. A marzo, secondo il sito web, sono stati avvistati quattro jet privati ​​che volavano da Mosca a Dubai Monitoraggio del volo Flightradar24. A differenza delle destinazioni occidentali, Dubai non ha vietato il traffico aereo russo.

Le immagini satellitari di Planet Labs mostrano anche un accumulo di jet privati ​​da metà febbraio all'inizio di aprile, secondo The Journal.

Quando la Russia ha attaccato l'Ucraina, le nazioni occidentali si sono unite per penalizzare la Russia, imponendo una serie di sanzioni. Miravano a destabilizzare non solo l'economia russa, ma anche alcuni dei più stretti alleati del presidente russo Vladimir Putin. 

Molti oligarchi e miliardari russi sono rimasti senza i loro beni di lusso, che sono stati confiscati a causa delle sanzioni. Il mese scorso, ad esempio, Gibilterra ha sequestrato un superyacht da 75 milioni di dollari di proprietà del miliardario Dmitry Pumpyansky.

Tuttavia, poiché questi aerei volano a Dubai per eludere le sanzioni, di conseguenza rimangono bloccati lì perché i loro proprietari non possono usarli per altri voli, hanno detto al Journal avvocati dell'aviazione e broker di jet privati.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.