Più di un milione di cittadini europei vaccinati non potranno recarsi negli Stati Uniti nemmeno dopo l'8 novembre!

0 1.471

Dall'8 novembre Gli Stati Uniti consentiranno i viaggi a scopo turistico per i cittadini di 33 Paesi del mondo, compresi i 26 dell'area Schengen e dell'Unione Europea, ma anche Irlanda e Regno Unito. Ma ci saranno almeno un milione di cittadini dell'Unione Europea, la maggior parte dei quali ungheresi, che non potranno recarsi negli Stati Uniti nemmeno dopo l'8 novembre.



Rivelando maggiori dettagli sulla rimozione del divieto di ingresso per i viaggiatori vaccinati, la Casa Bianca ha affermato che coloro che possono entrare negli Stati Uniti saranno coloro che sono stati vaccinati con uno dei vaccini approvati dalla Federal Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti e dall'Organizzazione mondiale della sanità. Salute (OMS).

Ma finora nessuna delle organizzazioni ha approvato il vaccino russo contro il COVID-19 - Sputnik V. I dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) mostrano che due stati membri dell'UE, Ungheria e Slovacchia, hanno somministrato il vaccino Sputnik V.

Circa un milione di persone in Ungheria non potranno recarsi negli Stati Uniti

Ad oggi, l'Ungheria ha somministrato 1 dosi di Sputnik V su due milioni acquistate e la Slovacchia ne ha somministrate 806 su 156 dosi acquistate. Dato che lo Sputnik V è un vaccino a due dosi, ciò significa che circa 37677 ungheresi e 200 slovacchi sono stati vaccinati con Sputnik V. Nessun altro paese dell'UE o paese Schengen ha somministrato il vaccino Sputnik sul proprio territorio. .

Tuttavia, ci sono regioni e paesi al di fuori dell'UE che hanno somministrato il vaccino Sputnik V, tra cui San Marino. Il microstat europeo ha vaccinato oltre il 70% della sua popolazione adulta con il vaccino russo contro il COVID-19, che è anche l'unico vaccino somministrato in questo Paese, che ospita circa 33 cittadini. Tuttavia, secondo alcuni rapporti, il vaccino russo è stato somministrato anche agli italiani. Con questo vaccino sono stati inoculati non meno di 15 abitanti della penisola, soprattutto quelli che lavorano a San Marino.

Anche l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) non ha ancora approvato il vaccino, sebbene abbia iniziato a esaminarlo il 4 marzo 2021. Inoltre, è stato recentemente segnalato che l'agenzia ha posticipato l'approvazione del vaccino per il primo trimestre del 2022. la decisione è stata presa dopo che il produttore non ha fornito i dati necessari per la revisione prevista che doveva aver luogo entro la fine di novembre.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.