Il Portogallo ha aggiornato le restrizioni di viaggio per il Regno Unito e il Brasile

0 231

Le autorità portoghesi hanno aggiornato le restrizioni ai viaggi per Regno Unito e Brasile. Così, il Portogallo consente viaggi non essenziali a chi arriva dal Brasile, dopo circa un anno e mezzo di restrizioni.



Dal 1° settembre chi arriva dal Regno Unito non dovrà più essere messo in quarantena. Questa decisione vale anche per i non vaccinati. Tuttavia, l'obbligo di fornire il risultato negativo di un test PCR o di un test rapido dell'antigene eseguito non più tardi di 72 ore prima dell'arrivo in Portogallo rimane una necessità.

Con il nuovo aggiornamento sulle restrizioni all'ingresso, i viaggiatori dal Brasile possono finalmente entrare in Portogallo dopo un divieto di 18 mesi, nonostante sia la più grande comunità di emigranti in Portogallo. Anche i viaggiatori in Brasile saranno esentati dall'obbligo di quarantena se mostreranno un risultato negativo del test, così come gli inglesi.

La decisione, annunciata il 31 agosto, è entrata in vigore il 1° settembre e dovrebbe rimanere in vigore almeno fino al 16 settembre.

Entrambi i paesi hanno recentemente visto un calo del numero di casi COVID-19, con il Regno Unito - che ha una popolazione di 66 milioni - che ha registrato 31.931 casi nelle ultime 24 ore, mentre il Brasile, che ha una popolazione di 211 milioni, ha registrato un totale di 10.466 casi. Secondo i tassi di vaccinazione in questi due paesi, ad oggi, il Brasile ha vaccinato completamente il 29% della sua popolazione, mentre il Regno Unito ha vaccinato completamente il 64.4% della sua popolazione.

In Portogallo, l'83.2% della popolazione - su 10.28 milioni di abitanti - è stato vaccinato, con la vaccinazione dei 12-15 anni a partire dal 4 settembre. Il Paese ha registrato 1.908 casi nelle ultime 24 ore, portando il numero totale di casi dall'inizio della pandemia a 1.037.927.

Il ministro di Stato del Portogallo, Mariana Vieira da Silva, ha annunciato venerdì scorso che ci saranno altri allentamenti delle restrizioni: aumento del numero di persone che possono stare insieme in ristoranti e caffè, al chiuso - da 6 a 8 persone , e esterno - da 10 a 15 persone. Nei fine settimana sono ancora necessari i test negativi o i certificati digitali COVID per gli spazi interni e per i soggiorni in hotel.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.