La storia del giorno: dal dispatcher del volo al lavoratore presso il centro di test COVID-19.

0 221

Come spedizioniere di volo, Rodney Kuimba ha lavorato nel settore dell'aviazione per più di 6 anni, prima della pandemia. Ora aiuta in un centro di test Covid nel Regno Unito e dice che non può nascondere la sua frustrazione per il lavoro che ha perso. La crisi nel settore dell'aviazione lo ha colpito così duramente che sente di aver perso la sua identità.

Ispirato dai suoi genitori, entrambi coinvolti nel settore dell'aviazione, Rodney ha iniziato la sua carriera come agente di rampa nel 2014. Il suo primo lavoro nel settore è andato bene e ha ricevuto una promettente offerta di trasferirsi al dipartimento operativo come spedizioniere di volo.

"Ho seguito le orme di mia madre e mio padre. Inoltre, mio ​​nipote è il comandante di un Boeing 737, mio ​​fratello è un ingegnere aeronautico, quindi sono stato coinvolto nel settore. Per cinque anni ho lavorato come spedizioniere di volo presso EasyJet. È stata un'esperienza piacevole, una compagnia aerea che mi stava molto a cuore. "

Durante la sua carriera nel settore dell'aviazione, Rodney ha lavorato per diversi vettori aerei riconosciuti, tra cui Lufthansa (LHAB) (LHA), Thomas Cook, Virgin Atlantic e altri. Il dispatcher di volo si è costantemente impegnato a migliorare le proprie capacità, puntando a raggiungere i massimi livelli di professionalità nelle posizioni ricoperte. Anche prima della prima ondata della pandemia, Rodney si stava preparando per l'aeroporto di Londra Gatwick nel Regno Unito.

Rodney ha lavorato per diverse compagnie aeree famose, tra cui Lufthansa, Thomas Cook e Virgin Atlantic.

"Stavo facendo il mio addestramento a Londra Gatwick nel marzo dello scorso anno, poi è arrivata la pandemia di Covid-19. Purtroppo, quattro giorni prima della laurea, il corso è stato sospeso. Da marzo a settembre 2020 sono stato licenziato, ma ho avuto la possibilità di tornare a lavorare a settembre. Tuttavia, a causa di un forte calo della domanda, ho perso di nuovo il lavoro nell'ottobre dello scorso anno ".

Rodney dice che dopo anni di esperienza nel settore dell'aviazione, la rottura lo ha fatto sentire devastato. Il dispatcher di volo dice che l'aviazione era la sua passione che gli scivolava facilmente tra le dita.

La storia del giorno-Rodney-Kuim-1

"Quello che mi manca è la diversità dei giorni. Mi manca lavorare con diversi tipi di aeromobili, per diverse compagnie aeree. Mi manca quella sensazione di interazione con tutti nel mondo. Mi mancano davvero gli aerei. Gli aerei sono tutto per me. Ho sempre detto alle persone intorno a me che questo è il settore in cui voglio lavorare fino alla pensione. A questo punto, mi sento così impotente che mi sento inutile. Mi sento come se tutto mi fosse stato portato via. Sono devastato. "

La notizia del nuovo virus altamente contagioso inizialmente non lo preoccupò, poiché nessuna delle compagnie aeree all'epoca prese precauzioni. "L'aeroporto funzionava normalmente, non c'erano maschere o protocolli da seguire", lui ricorda. Ben presto le cose iniziarono ad andare nella direzione sbagliata. "Sfortunatamente, mentre ero alla Virgin Atlantic, si tenevano riunioni quotidiane e così ho capito quanto fosse grave la situazione".

Quando ho perso il lavoro a ottobre, l'azienda ci ha detto solo che sarebbero andati bene, ma che potevano esserci dei licenziamenti.

"Quando ho perso il lavoro a ottobre, la società ci ha detto solo che sarebbe andato tutto bene, ma che potevano esserci dei licenziamenti. Ma quello non era abbastanza. […] L'azienda ha iniziato a utilizzare una matrice delle competenze, il che significava che più era competente, più sicuro era il lavoro. Anche se ho avuto l'esperienza, mi hanno comunque licenziato ".

"Ora mi sento come se avessi perso la mia identità perché questo era un settore che serviva la mia famiglia, che io servivo ... Ho ancora così tanta energia e così tanta conoscenza ed esperienza da offrire, ma non posso fare nulla in questo momento. "

Mentre alcuni dei suoi ex colleghi sono riusciti a creare piccole imprese, Rodney ha deciso di dare una mano all'unità di prova Covid locale. "Alcuni sono diventati fornai, alcuni hanno società di logistica, alcuni di loro sono entrati a far parte del nostro servizio sanitario nazionale ... Queste persone erano piloti o professionisti del settore aeronautico e hanno dovuto riqualificarsi".

Parlando delle sue prospettive di carriera, Rodney dubita della possibilità di tornare nel settore dell'aviazione, anche se lo sogna. Il dispatcher di volo dice che potrebbe provare a cercare lavoro anche nel settore ferroviario, poiché vede una forte somiglianza tra le due industrie.

"Non so sui treni. Se mi chiedi qualcosa sugli aerei, risponderò a tutte le tue domande. Ma con i treni, non ne so molto. Ma spero di entrare nel settore ferroviario e dare il massimo. Questo è il mio piano. […] Nel Regno Unito molte persone fanno i pendolari utilizzando i treni. Dalla Scozia a Londra, alcune persone preferiscono usare il treno. Tuttavia, se dovessi scegliere tra i due settori, direi che l'aviazione viene prima per me ".

"MY COVID STORY" - un progetto di marca www.aerotime.aero che airlinestravel.ro supporta e siamo felici di portare queste storie oltre.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.