Raccomandazioni per i passeggeri che hanno voli da Bucarest: essere presenti in aeroporto almeno 3 ore prima dell'orario di decollo.

0 2.028

L'aumento stimato del numero di passeggeri sul flusso delle partenze internazionali, fino al 100% rispetto al periodo precedente, ha imposto misure per aumentare la capacità di elaborazione dell'aeroporto Henri Coandă. Pertanto, tutti i banchi check-in, nonché tutti i filtri di controllo di sicurezza e i banchi di controllo passaporti sono aperti e operativi sul flusso di partenza.



Raccomandazioni per i passeggeri che hanno voli da Bucarest

Allo stesso tempo, l'amministratore dell'aeroporto, CN Aeroporturi București, ha chiesto alle compagnie aeree e agli agenti di assistenza di compiere gli sforzi necessari - soprattutto fornendo personale sufficiente - per il trattamento rapido dei passeggeri e garantire un traffico regolare in aeroporto.

Invitiamo tutti i passeggeri a rispettare le misure per combattere la pandemia di CoVid-19 applicabili in aeroporto, comprese quelle relative alla distanza e all'uso di una maschera protettiva.

Presentarsi in aeroporto almeno 3 ore prima dell'orario di decollo.

Consigliamo vivamente ai passeggeri di arrivare in aeroporto in anticipo - almeno 3 ore prima dell'orario di decollo - e di munirsi di tutti i documenti di viaggio necessari, come richiesto dalla compagnia aerea e in base alle regole di ingresso nel Paese di destinazione (biglietto aereo, carta d'identità/passaporto, certificati di test/vaccinazioni, codice QR PLF, ecc.).

Chiediamo inoltre ai passeggeri di mostrare pazienza e comprensione per gli sforzi del personale aeroportuale. Le autorità di molti paesi di destinazione richiedono, al check-in, la verifica di documenti medici oltre a quelli consueti (IC/passaporto e biglietto aereo), il che allunga notevolmente la durata di queste formalità.

E il flusso degli arrivi continua a registrare valori di traffico elevati, simili a quelli prenatalizi. Di conseguenza, al fine di ridurre i tempi per la verifica dei documenti all'ingresso nel Paese, vengono mantenute le misure annunciate nei giorni precedenti - integrazione del personale aeroportuale, del DSP ma anche della Polizia di Frontiera e della Gendarmeria, utilizzando il flusso charter per massimizzare la capacità, sbarco sequenziale dei passeggeri nelle ore di punta.

La maggior parte degli aeroporti in Europa e nel mondo stanno affrontando una situazione simile durante questo periodo, con le vacanze invernali che sono quelle in cui tradizionalmente le persone viaggiano di più.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.