Chiude San Pietroburgo: chiudono ristoranti, centri commerciali e locali pubblici!

0 53

Ristoranti, caffè e negozi saranno chiusi a San Pietroburgo dal 30 ottobre al 7 novembre, secondo un decreto firmato sabato dal governatore Alexander Beglov.

"Tra il 30 ottobre e il 7 novembre è vietato gestire strutture di vendita al dettaglio. L'attività degli esercizi pubblici di ristorazione è sospesa ad eccezione delle consegne, dei distributori di benzina, nonché delle mense alle imprese. Il documento è pubblicato sul sito dell'amministrazione comunale.

Inoltre, saranno chiusi i saloni di bellezza, i centri sportivi e le attività commerciali secondarie, ad eccezione di farmacie, distributori di benzina e negozi di alimentari. Sarà sospesa anche l'assistenza veterinaria, salvo casi di emergenza. Durante la vacanza di una settimana, l'accesso a piscine, parchi acquatici e altre aree ricreative, anche per bambini, sarà limitato. Saranno chiusi anche i centri di assistenza domestici.

Le autorità di San Pietroburgo hanno sospeso l'attività delle istituzioni culturali nei giorni non lavorativi, ad eccezione di teatri e musei, spettacoli vietati ed eventi sportivi.

Ad oggi, sono stati confermati 683.103 casi di COVID-19 a San Pietroburgo, la seconda regione più colpita della Russia dopo Mosca. Inoltre, nella seconda città più grande della Russia sono stati registrati 23.296 decessi. Nelle ultime 24 ore a San Pietroburgo sono stati registrati 3.360 contagi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.