Si cercano alternative per le navi da crociera che non possono più entrare a Venezia

0 231

Il mese scorso L'Italia ha annunciato il divieto di ingresso a Venezia per le grandi navi. Gli operatori del settore turistico hanno accolto con favore la decisione del governo italiano di ritirare grandi navi dal Canale della Giudecca per decongestionare il traffico a Venezia.



"Siamo consapevoli della polemica che esisteva attraverso il transito delle navi da crociera", ha affermato il direttore dell'Associazione internazionale delle compagnie di crociera spagnole (CLIA), Alfredo Serrano. Dal 2012 l'industria ha sempre sostenuto il trasferimento delle navi da crociera da Piazza San Marco attraverso il Canale della Giudecca. "Da anni esortiamo le autorità a trovare soluzioni alternative e a poter trasferire le grandi navi in ​​altri luoghi".

Per quanto riguarda il porto alternativo di attracco per le navi da crociera dopo questo divieto, annunciato dal governo italiano nel marzo dello scorso anno che doveva dirigere le navi da crociera al porto di Marghera, il principale porto commerciale della città di Venezia, che è in grado di accogliere il traffico passeggeri e di integrarsi con gli altri usi attuali come punto di ingresso a Venezia e all'intero Veneto.

A tal proposito, sottolineano, sono ancora molti gli elementi da considerare nell'organizzazione di tutti gli specifici aspetti ambientali e operativi.

"Semplicemente ci è venuto in mente allora la direzione di fornire un approdo alternativo al porto di Marghera in tempo per la stagione 2022. Serrano sottolinea anche l'importanza di questa attività per la città dei canali. "Venezia è un hub cruciale per le navi da crociera in tutta la regione e lasciarlo avrebbe un effetto negativo sull'intera regione adriatica. Ad esempio, i porti con accesso al mare, tra cui Ancona, Bari Brindisi, Spalato, Dubrovnik e Trieste, non potrebbero essere raggiunti dalle navi da crociera senza Venezia”., lui dice.

A questo punto lo fa notare. per alcuni passeggeri che scelgono di partire in crociera, la presenza di Venezia è un fattore determinante nella decisione di intraprendere una crociera sul mare Adriatico. "Se Venezia esce dallo schema, tutto il traffico di navi da crociera nel Mediterraneo orientale, non solo nell'Adriatico, andrà perso, dato che Venezia è la fonte del 60% di questo traffico".

Il direttore di CLIA Spagna fornisce dati che mettono in luce il peso dell'industria del Paese: il settore crocieristico italiano genera un fatturato di 14.000 milioni di euro ogni anno, fornendo circa 120.000 posti di lavoro, diretti e indiretti, e stipendi per 3.900 milioni di euro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.