La Spagna rimuove le regioni dall'Italia dall'elenco delle aree ad alto rischio, aggiungendo le regioni di Portogallo, Romania e Slovenia

0 815

Dopo aver inserito l'intero territorio italiano nell'elenco delle aree ad alto rischio la scorsa settimana, la Spagna ha rimosso - ancora una volta - diverse regioni italiane da tale elenco.



Aggiornando l'elenco delle aree ad alto rischio, il Ministero spagnolo della salute, dei consumatori e della previdenza sociale ha incluso le seguenti regioni del Italia: Basilicata, Calabria, Marche, Sardegna, Sicilia, Toscana, Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardi, Molise, Piemonte, Bolzano, Trento, Puglia, Umbria e Veneto.

I viaggiatori delle regioni italiane che non sono più nella lista rossa hanno restrizioni allentate e non dovranno più presentare alcun certificato di vaccinazione, test o malattia all'ingresso in territorio spagnolo. Tuttavia, i viaggiatori provenienti da regioni che rimangono nell'elenco ad alto rischio devono comunque presentare uno dei tre tipi di certificati per entrare in Spagna.

L'elenco è entrato in vigore il 13 settembre 2021 e sarà valido fino al 19 settembre 2021 compreso.

Allo stesso tempo, il requisito della prova della vaccinazione, del recupero dall'infezione da COVID-19 o del risultato negativo del test si applica anche nelle seguenti regioni o paesi in Europa:

  • Ungheria (Budapest)
  • Portogallo (continente e regione autonoma di Madeira)
  • Slovacchia (Bratislavský kraj e Východné Slovensko)
  • Paesi: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia (Helsinki-Uusimaa, Etelä-Suomi, Länsi-Suomi e Pohjois-ja Itä-Suomi), Francia, Germania, Grecia, Islanda, Irlanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Norvegia, Romania (Bucarest-Ilfov, Nord-Est, Nord-Ovest, Sud-Est, Sud-Muntenia, Sud-Ovest Oltenia e Ovest), Slovenia e Svezia.

Secondo lpaesi terzi sicuri, l'elenco si è di nuovo ridotto e ora ne fanno parte solo i seguenti paesi: Australia, Bosnia ed Erzegovina, Canada, Cina, Hong Kong SAR, Giordania, Macau SAR, Nuova Zelanda, Qatar, Moldova, Arabia Saudita, Singapore, Corea del Sud , Taiwan, Ucraina e Uruguay.

La Spagna è tra i paesi dell'UE che ha visto un aumento del numero di casi COVID-19 durante l'estate, nonostante i tassi di vaccinazione. Il Paese ha finora vaccinato l'89.2% della sua popolazione con la prima dose di vaccino contro il COVID-19, mentre l'80.8% è già completamente vaccinato.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.