La Spagna estende la quarantena obbligatoria ad altri 10 stati.

0 3.352

La Spagna sta estendendo la quarantena ai passeggeri in Brasile e Sud Africa e imponendola ad altri 10 paesi, tra cui Perù e Colombia, per prevenire la diffusione di nuovi ceppi di coronavirus, secondo l'ordine dato da Ministero della Salute. La quarantena di 10 giorni era precedentemente limitata ai passeggeri in arrivo dal Brasile e dal Sud Africa.

In base a questa regola, che entrerà in vigore l'8 marzo, alle 00:00, per un periodo di 14 giorni, la quarantena sarà estesa alle persone che arrivano in Spagna dalle repubbliche del Botswana, Unione delle Comore, Ghana, Kenya, Mozambico , Tanzania, Zambia e Zimbabwe, nonché Perù e Colombia.

La misura sarà obbligatoria per tutti i passeggeri in arrivo da quei paesi, con o senza scalo, in qualsiasi aeroporto spagnolo. I passeggeri possono essere messi in quarantena per sette giorni solo se, all'arrivo, accettano di essere testati.

I passeggeri possono essere messi in quarantena per sette giorni solo se, all'arrivo, accettano di essere testati.

Durante il periodo di quarantena, devono rimanere nella loro casa o luogo di residenza, nonché limitare la loro interazione con gli altri. Dovranno anche limitare i viaggi, avendo la possibilità di uscire solo per l'acquisto di prodotti essenziali: cibo, prodotti farmaceutici o merci. Possono viaggiare anche per motivi di salute o per cause di forza maggiore.

L'ordinanza è stata adottata a causa delle preoccupazioni esistenti sugli effetti di nuovi ceppi del virus, sia in termini di impatto (maggiore trasmissibilità) che di diffusione in paesi con un grado limitato di sorveglianza, che non dispongono delle necessarie capacità di rilevamento e notifica. previsto dalle normative sanitarie internazionali.

Però, il governo spagnolo spera che il 2021 sia l'anno in cui l'economia si riprenderà. L'amministrazione lo sa bene uno dei principali pilastri dell'economia, il turismo, combatterà per tornare a una sorta di normalità quest'anno, vista la pandemia di coronavirus.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.