La Svizzera non riconosce più i certificati digitali COVID-19 emessi da paesi terzi, compresi quelli emessi da NHS UK

0 1.631

Le autorità svizzere hanno annunciato che la Svizzera non riconoscerà più i certificati di vaccinazione COVID-19 rilasciati da paesi al di fuori dell'Unione Europea e dell'area Schengen, compresi quelli rilasciati dall'applicazione NHS COVID-19 nel Regno Unito.

Pertanto, tutti coloro che desiderano recarsi in Svizzera devono richiedere un certificato svizzero COVID-19, poiché dalla prossima settimana i certificati di vaccinazione non saranno più accettati se non convertiti, SchengenVisaInfo.com.

Dal 19 ottobre è operativa la soluzione elettronica per la conversione dei certificati di vaccinazione emessi in altri Paesi. Secondo il sito ufficiale di viaggi della Svizzera, Turismo svizzero, i viaggiatori del Regno Unito e tutti coloro che non sono in possesso del certificato digitale UE COVID-19 potranno ottenere il certificato svizzero COVID-19, purché dimostrino di essere stati completamente vaccinati contro COVID-XNUMX con uno dei i vaccini approvati dall'EMA.

Il Consiglio federale ha inoltre suggerito di consentire l'accesso a coloro che sono stati vaccinati con Sinopharm o Sinovac. Tuttavia, non è stata ancora presa una decisione in merito.

"Nel tentativo di sostenere il settore turistico e l'economia, si propone che tutti i turisti che sono stati vaccinati all'estero con un vaccino approvato solo dall'OMS abbiano accesso anche al certificato svizzero. Questo è attualmente il caso dei vaccini Sinovac e Sinopharm". , è menzionato nella dichiarazione del Consiglio.

Va notato che i richiedenti devono pagare una tassa di CHF 30 (EUR 28) per convertire il loro certificato, che può poi essere trasferito direttamente alla domanda. Oltre a soddisfare l'obbligo di vaccinazione, i richiedenti provenienti da paesi terzi devono anche fornire informazioni sulla loro nazionalità e stato di residenza, compresa una copia del passaporto e una carta d'identità.

Inoltre, nel modulo di domanda, ciascun richiedente deve confermare la propria vaccinazione, includendo descrizioni dettagliate come il nome del vaccino, il numero di dosi ricevute, la data di somministrazione dell'ultimo vaccino, l'istituzione che ha effettuato la vaccinazione e l'allegato del certificato esistente.

I richiedenti devono inoltre fornire un motivo per la loro visita, durata, luogo di residenza e altra prova d'ingresso, come un biglietto aereo.

Tutte queste informazioni devono essere trasmesse in tedesco, francese, italiano o inglese. Una volta completata la procedura di richiesta, i candidati potranno ricevere il certificato svizzero COVID-19 entro cinque giorni. Tuttavia, le autorità hanno suggerito a tutti di richiedere il documento almeno due settimane prima del viaggio in Svizzera.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.