London City è diventato il primo aeroporto al mondo controllato a distanza

0 180

All'aeroporto di London City, i controllori del traffico aereo sono scomparsi. Salendo sopra l'edificio del terminal, la vecchia torre di controllo con le sue finestre panoramiche è deserta. La città è passata silenziosamente a un centro di controllo del traffico aereo digitale dall'inizio di quest'anno, essendo il primo grande aeroporto internazionale a farlo, riferisce Reuters.

Si desidera migliorare l'efficienza e una possibile espansione futura, poiché lo stesso numero di controller può far fronte a un numero maggiore di movimenti di aeromobili grazie alla nuova tecnologia che fornisce loro più dati rispetto a prima. Gli aerei stanno decollando e atterrando, guidati dai controllori del traffico aereo a 144 miglia di distanza, in un blocco di uffici a Swanwick, a sud-ovest di Londra.

Situato vicino all'ex porto, a poche miglia a est del quartiere finanziario di Canary Wharf, il City è il più piccolo degli aeroporti di Londra. Prima della pandemia, serviva 5 milioni di passeggeri all'anno, la maggior parte dei quali passeggeri che viaggiavano per affari verso destinazioni europee come Francoforte o Amsterdam.

London-City-first-airport-control-distanza

London City è diventato il primo aeroporto al mondo controllato a distanza.

"Non essendo in aeroporto, non hai quell'odore di carburante quando arrivi al lavoro", ha detto il controllore Lawrie McCurrach dalla sua nuova base, "Ma fondamentalmente, il lavoro non è cambiato. Riguarda ancora il controllore che deve seguire l'aereo e monitorarlo visivamente. La differenza è che utilizziamo schermi invece di finestre. "

16 camere e sensori ad alta definizione catturano una vista a 360 gradi dell'aeroporto cittadino. Le immagini vengono trasmesse tramite una connessione molto veloce al NATS Air Traffic Control Center di Swanwick. Un team dedicato di controllori utilizza immagini in diretta e una trasmissione audio dall'aerodromo, nonché informazioni radar, per guidare i piloti che vogliono decollare o atterrare.

Il feed live, trasmesso tramite reti in fibra protette indipendenti, viene visualizzato su 14 schermi HD nella sala di controllo di Swanwick per fornire un'immagine panoramica in movimento. Questo può essere sovrapposto a dati digitali per fornire un'immagine di "realtà aumentata".

Informazioni come segnali di chiamata, altitudine e velocità di tutti gli aeromobili in avvicinamento e in uscita dall'aeroporto, letture meteorologiche e la capacità di tracciare oggetti in movimento possono essere incluse in questo display visivo unico. Le telecamere con zoom panoramico possono ingrandire le immagini fino a 30 volte per un'ispezione ravvicinata.

La tecnologia digitale migliora in modo significativo la consapevolezza dei controllori della situazione, consentendo decisioni rapide e informate per migliorare la sicurezza e l'efficienza operativa.

London-City-primul-aeroport-controlat-distanta
Fonte della foto: Andrew Baker
London-City-first-airport-control-distanza
Fonte della foto: Andrew Baker

La torre è provvista di protezione per le telecamere, e ognuna di esse ha un meccanismo autopulente per non oscurare le lenti. Le immagini che scatta raggiungono il nuovo centro, dove compaiono su 14 schermi che insieme offrono una vista panoramica del tracciato. "Se perdo il contatto con una delle stanze, c'è sempre una prenotazione", ha detto FitzGerald.

Il suono dal vivo dell'aeroporto viene introdotto nel nuovo centro di controllo, in modo che i controllori sentano ancora i motori degli aerei.

La nuova torre è costata poco meno di £ 20 milioni ($ 28 milioni) per essere progettata e costruita. “Trae vantaggio dalla sicurezza e anche dall'efficienza. Ci consente di crescere in modo più efficiente "., ha detto FitzGerald. "È più sicuro, infatti, quello che stiamo facendo è fornire ai controllori del traffico aereo più dati".

Una volta che il programma dei voli tornerà alla normalità dopo la pandemia, City sarà in grado di gestire 45 movimenti di aeromobili all'ora, rispetto ai 40 che operano nel 2019.

Il Regno Unito ha vietato la maggior parte dei viaggi a causa del COVID-19, ma è pronto a consentire alle persone di volare di nuovo dal 17 maggio. Il piano dell'aeroporto per una torre di controllo remoto risale al 2016. All'epoca, c'era un piano di espansione di 500 milioni di sterline per abbinare il numero di aeromobili aggiuntivi e più grandi e sarebbero stati necessari investimenti significativi nel controllo del vecchio aeroporto.

Si è invece deciso di costruire una nuova torre, visti i vantaggi in termini di efficienza offerti dalla nuova tecnologia remota, una tecnologia sviluppata dalla società svedese Saab (SAABb.ST). La tecnologia è stata avviata da Saab Digital Air Traffic Solutions, che ha testato e testato con successo il sistema negli aeroporti di Örnsköldsvik e Sundsvall in Svezia.

Heathrow, l'aeroporto più trafficato del Regno Unito, sta prendendo in considerazione le torri di controllo remoto nei suoi piani futuri.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.