La lista gialla stabilita dalla Romania è ancora rilevante nell'attuale contesto pandemico?

0 15.248

Dalla scorsa estate le autorità rumene hanno deciso di classificare i paesi in base all'indice epidemiologico riportato dall'ECDC (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie). In altre parole, entrano tutti i paesi con l'indice sulla Romania lista gialla (aggiornamento della lista gialla più recente è stato realizzato il 22 aprile), e tutti i paesi con l'indice più basso della Romania sono nella lista verde.

Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) riporta un indice calcolato per 14 giorni ogni settimana. Ad esempio, su Il 6 maggio 2021 è stato pubblicato l'elenco con l'indice epidemiologico riportato per il periodo 19 aprile - 2 maggio 2021.

Nessuno ha contestato questo criterio scelto dalle autorità. Da luglio-agosto 2020 e fino ad ora, settimanalmente o bisettimanale, la Romania ha annunciato la lista gialla dei paesi ad alto rischio epidemiologico, rispetto alla lista dell'ECDC. Per tutti coloro che hanno viaggiato e stanno viaggiando dai paesi della lista gialla, la Romania ha imposto una serie di misure restrittive, per lo più basate sulla quarantena.

Per diversi mesi, La Romania ha annunciato che sta revocando tutte le misure restrittive per i vaccinatie per gli altri sono richiesti 10/14 giorni di PCR + test di quarantena. Tuttavia, esistono molte eccezioni e di conseguenza molte possono essere messe in quarantena.

La lista gialla della Romania non è più rilevante nel contesto attuale

Il tempo è passato ed eccoci al maggio 2021, quando si è constatato che l'indice epidemiologico annunciato dall'ECDC (il numero di casi per 100 abitanti nell'arco di 000 giorni) non è più rilevante. L'ECDC aggiorna l'indice epidemiologico sulla base dei dati riportati da ogni paese e regione autonoma. È solo che questa rendicontazione non è più unitaria e oggettiva. Ci sono paesi che non testano e quindi annunciano pochi casi, anche se la pandemia fa molte vittime, e qui abbiamo come esempi i paesi africani. Allo stesso tempo, ci sono paesi con un indice alto, ma hanno un sistema sanitario molto efficiente e riescono a controllare la pandemia.

Di conseguenza, la lista gialla della Romania è ancora rilevante nel contesto attuale? A mio parere, la Romania dovrebbe modificare i criteri per la classificazione dei paesi nel contesto della pandemia COVID-19. Allo stesso tempo, dovrebbe rimuovere la quarantena, sebbene l'isolamento / quarantena abbia funzionato nella lotta contro il nuovo coronavirus. La quarantena è stata efficace lo scorso anno, all'inizio della pandemia, quando non c'erano vaccini e cure efficaci. Ma ora tutti i paesi europei hanno ampi programmi di vaccinazione e i trattamenti anti-COVID sono efficaci. Inoltre, molti possono aggirare la quarantena rispettando una delle eccezioni annunciate, quindi questa misura non è più efficace.

La Romania dovrebbe ripensare l'intero sistema di classificazione dei paesi in base al rischio epidemiologico

La Romania dovrebbe ripensare l'intero sistema di classificazione dei paesi in base al rischio epidemiologico, ma anche le misure applicate. Forse adotteranno l'idea "Semaforo" annunciato dal Regno Unito, ma con altre misure. L'UE vuole un certificato digitale verde unitario (certificato di vaccinazione / test / immunizzazione), che faciliterebbe i viaggi negli Stati membri dell'UE. Allo stesso tempo, l'UE lo vuole senza quarantena.

Tracciando la linea, concludiamo che la lista gialla non è più rilevante se viene mantenuto l'attuale criterio di spareggio. L'indice dell'ECDC, annunciato ogni giovedì, riferito a 14 giorni, non è più rilevante nel contesto in cui i paesi sono arrivati ​​a segnalare e trattare la pandemia COVID-19 in modo diverso. Speriamo che le autorità rumene cambino qualcosa nel modo in cui i paesi sono classificati in relazione alla pandemia.

ANAT ha anche inviato una nuova lettera aperta al Sig. Florin Cîțu, Primo Ministro e Presidente del Comitato Nazionale per le Situazioni di Emergenza e al Sig. Claudiu Năsui, Ministro dell'Economia, Imprenditorialità e Turismo, esprimendo preoccupazione per l'introduzione della lista gialla, di alcuni paesi in cui i turisti vengono in Romania e in cui vanno i turisti rumeni.

e Cesare scritto su questo argomento! Forse qualcosa cambierà! Cosa ne pensi?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.