Romania e Slovacchia sono entrate nella lista rossa del Regno di Spagna

0 385

Il Ministero spagnolo della salute, dei consumatori e della previdenza sociale ha aggiornato l'elenco dei paesi ad alto rischio nell'Unione europea e nell'area Schengen. Pertanto, chi viaggia da uno dei Paesi esistenti nella lista rossa deve dimostrare la vaccinazione contro il COVID-19, guarire dal virus negli ultimi mesi o avere un test del coronavirus negativo.

Secondo il nuovo aggiornamento, entrato in vigore il 20 settembre e resterà in vigore fino al 26 settembre, la regione danese dello Jutland settentrionale è stata rimossa dall'elenco. Pertanto, i quasi 600.000 abitanti della regione possono ora recarsi in Spagna senza restrizioni.

Nell'aggiornamento della scorsa settimana, l'intero territorio della Danimarca è stato incluso nella lista rossa. Tuttavia, ad eccezione dello Jutland settentrionale, il resto dei viaggiatori delle altre regioni rimane soggetto a restrizioni di ingresso. Le regioni nella lista rossa in Danimarca sono:

  • Regione della capitale della Danimarca (Hovedstaden)
  • Jutland centrale (Midtjylland)
  • Zelanda (Zelanda)
  • Danimarca meridionale (Syddanmark)

D'altra parte, dopo la valutazione settimanale della situazione di COVID-19 in Romania e Slovacchia, entrambi i paesi sono stati inclusi nell'elenco. A partire dall'aggiornamento della scorsa settimana, solo le regioni slovacche di Bratislavský Kraj e Východné Slovensko, nonché le regioni Bucarest-Ilfov, Nord-Est, Nord-Ovest, Sud-Est, Sud-Muntenia, Sud-Ovest-Oltenia e Ovest erano elencato.

I dati dell'Organizzazione mondiale della sanità mostrano che la Romania ha riportato 47.5 casi di COVID-19 ogni 100.000 abitanti, mentre la Slovacchia ha riportato 76.5 nuove infezioni ogni 100.000 abitanti nello stesso periodo. La Spagna, invece, ha segnalato solo 19.7 casi ogni 100.000 abitanti.

Dopo la Bulgaria, la Romania è il paese dell'UE con il tasso di vaccinazione più basso.

Dopo la Bulgaria, la Romania è il paese dell'UE con il tasso di vaccinazione più basso, poiché solo il 33.6% della popolazione adulta del paese ha ricevuto la prima dose di un vaccino contro il COVID-19. In Slovenia, il 52% della popolazione adulta è stato vaccinato con almeno una dose di vaccino. I tassi di vaccinazione in questi due paesi sono estremamente bassi rispetto alla Spagna, poiché i dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie mostrano che l'89.7% della popolazione adulta in Spagna ha ricevuto almeno la prima dose di vaccinazione contro il coronavirus.

Di conseguenza, i paesi UE e Schengen del Regno di Spagna sono nella lista rossa:

  • Austria
  • Belgia
  • Bulgaria
  • Croazia
  • Cipro
  • Danimarca (Hovedstaden, Midtjylland, Sjælland e Syddanmark)
  • Estonia
  • Finlandia (Helsinki-Uusimaa, Etelä-Suomi, Länsi-Suomi e Pohjois- ja Itä-Suomi)
  • Francia
  • germania
  • Grecia
  • Ungheria (Budapest)
  • Islanda
  • Irlanda
  • Italia (Basilicata, Calabria, Sicilia, Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia Autonoma di Trento, Puglia, Sardegna, Toscana , Umbria e Veneto)
  • Lettonia
  • Liechtenstein
  • Lituania
  • Lussemburgo
  • Malta
  • Paesi Bassi
  • Norvegia
  • Portugalia
  • Romania
  • Slovacchia
  • Slovenia
  • Svezia

Il Ministero non ha apportato modifiche all'elenco dei Paesi terzi a rischio epidemiologico, il che significa che possono viaggiare i viaggiatori provenienti da Australia, Bosnia ed Erzegovina, Canada, Cina, SAR Hong Kong, Giordania, SAR Macao, Nuova Zelanda, Qatar, Moldavia, Arabia Saudita, Singapore, Corea del Sud, Taiwan, Ucraina e Uruguay. entra in Spagna

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.