Proteste ANAT: è inammissibile per i turisti rumeni - cittadini dell'UE - essere negato l'ingresso in Messico senza alcun motivo giustificato

0 1.074

L'Associazione Nazionale delle Agenzie di Viaggio (ANAT) presenta la sua protesta ufficiale all'Ambasciata degli Stati Uniti del Messico in Romania, per gli abusi a cui sono sottoposti i turisti rumeni - cittadini dell'Unione Europea - dalle autorità messicane, a cui viene negato l'ingresso in entrambi gli aeroporti da Città del Messico e da Cancun.



“Gruppi di turisti o singoli turisti giunti a Cancun nei giorni scorsi, con varie compagnie aeree, sono stati fermati alla frontiera e hanno negato l'ingresso nel Paese senza motivo. Non è la prima volta che il Messico adotta misure così abusive nei confronti dei turisti rumeni. Passaporti e telefoni vengono confiscati ai turisti, vengono tenuti chiusi in condizioni inadeguate, indipendentemente dall'età. Ovviamente, nessuna delle misure di protezione covid viene osservata. Vogliamo sapere perché il governo messicano si sta comportando in questo modo con i turisti rumeni e chi sopporterà i danni materiali generati e le perdite generate da questi abusi ", dichiara Alin Burcea, vicepresidente dell'ANAT.

Il Messico è diventato una delle destinazioni esotiche richieste dai turisti rumeni in questa stagione, soprattutto per il fatto che non è richiesto alcun test PCR covid-19 e non è necessaria una quarantena di 14 giorni al ritorno nel paese. Ogni anno, diverse migliaia di turisti rumeni scelgono questo paese per trascorrere le loro vacanze. Attualmente, centinaia di turisti rumeni, che hanno prenotato tramite agenzie di viaggio rumene, che hanno partner locali in Messico, sono costretti a rinunciare ai servizi a pagamento e tornare nel Paese senza alcuna spiegazione.

ANAT si chiede chi compenserà le perdite generate da questa situazione

L'ANAT si chiede chi compenserà le perdite generate da questa situazione, dato che abbiamo una situazione inconcepibile: una decisione unilaterale dello stato messicano di non ricevere turisti rumeni in questo paese, senza alcun argomento, insieme a un trattamento oltraggioso applicato ai cittadini rumeni . D'altra parte, non è la prima volta che i turisti rumeni che arrivano in gruppi organizzati si trovano ad affrontare una situazione del genere, abusi del genere che si verificano più volte negli ultimi anni.

Ti ricordiamo che la Romania è membro dell'Unione Europea dal 1 gennaio 2007 e le autorità messicane degli Stati Uniti dovrebbero trattare i cittadini rumeni come qualsiasi cittadino dell'UE. È noto che l'UE è uno dei principali emittenti turistici al mondo ., 2019 milioni di turisti dall'UE  

L'ANAT si chiede come reagirebbero paesi come Germania, Spagna o Francia

L'ANAT si chiede come reagirebbero Stati come Germania, Spagna o Francia se i propri cittadini, in quanto turisti, fossero soggetti a tale discriminazione. Siamo d'accordo sul fatto che ogni stato abbia le proprie regole di confine e ci sono casi in cui alcuni visitatori, indipendentemente dalla cittadinanza, possono essere rifiutati alla frontiera per motivi giustificati e individualizzati, ma riteniamo inammissibile che questa situazione si applichi a interi gruppi di turisti solo su conto della cittadinanza ed è per questo che aspettiamo spiegazioni.

Nel contesto della pandemia, ma anche in generale, è oltraggioso che un gruppo organizzato di turisti che si attengono alla normativa vigente e che spende ingenti somme nel Paese di destinazione venga respinto senza alcuna argomentazione. Il rifiuto di interi gruppi di turisti per - come giustificato dalle autorità messicane - la mancanza di documenti completi o risposte esitanti o non conformi alle interviste ci pone in un grande punto interrogativo e ci fa pensare a una grande discriminazione e alla violazione dei diritti di alcuni cittadini dell'UE.

L'Associazione nazionale delle agenzie di viaggio attende con urgenza una risposta ben argomentata dall'Ambasciata degli Stati Uniti del Messico

Non abbiamo sentito parlare di situazioni in cui gruppi di turisti in Messico, se rispettano la legge europea, vengono discriminati quando visitano uno stato dell'Unione europea e, ancora di più, parlano di sequestro. E dubitiamo che i turisti messicani abbiano ricevuto tali trattamenti, se hanno attraversato legalmente il confine, visitando altri paesi latini (come il Messico) paesi europei, come Italia, Spagna, Francia o Romania.

L'Associazione nazionale delle agenzie di viaggio attende con urgenza una risposta motivata dall'Ambasciata degli Stati Uniti del Messico su questo grave incidente. L'ANAT ha anche chiesto al ministero rumeno degli Affari esteri di intervenire il prima possibile per chiarire e risolvere la situazione.

Te lo ricordiamo Decine di rumeni sono bloccati negli aeroporti del Messico. L'AMF si sta attivando nel caso di turisti rumeni bloccati in Messico e speriamo che la situazione torni alla normalità.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.