L'Austria riduce la validità del certificato di vaccinazione da 12 mesi a 9 mesi, dal 6 dicembre 2021

1 1.151

Le autorità austriache hanno annunciato che, dal 6 dicembre, i certificati di vaccinazione comprovanti che il titolare ha ricevuto le dosi del vaccino saranno validi solo per 9 mesi. In precedenza, i certificati di vaccinazione avevano un periodo di validità di 12 mesi.



Tuttavia, in base alle nuove regole che saranno presto efficaci, i permessi di vaccinazione saranno accettati solo se indicheranno che non sono trascorsi più di nove mesi dalla somministrazione della seconda dose di vaccino.

"Le vaccinazioni a due dosi sono valide per nove mesi solo dopo che è stata somministrata la seconda dose dal 6 dicembre". mostra nella dichiarazione del portale di viaggio ufficiale dell'Austria.

L'Austria attualmente riconosce come prova valida di immunizzazione tutti i certificati vaccinali che indicano che il titolare ha completato il processo di vaccinazione con uno dei quattro vaccini approvati dall'Agenzia europea per i medicinali (EMA).

Inoltre, anche altri vaccini che fanno parte dell'elenco degli usi di emergenza dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sono accettati come prova valida di immunità per i viaggi.

L'elenco completo dei vaccini accettati in Austria è il seguente:

  • AstraZeneca
  • moderno
  • Pfizer / Biontech
  • Johnson & Johnson
  • coviscudo
  • Sinovac
  • Sinofarma

Sono accettate anche combinazioni tra due diversi vaccini approvati dall'EMA, ad eccezione di Johnson & Johnson.

Per quanto riguarda il vaccino Johnson & Johnson, le autorità austriache hanno fatto un annuncio importante. Le autorità austriache hanno rivelato che la vaccinazione monodose con il vaccino Johnson & Johnson non sarà più riconosciuta dopo il 3 gennaio 2022.

"Una singola vaccinazione Johnson & Johnson sarà riconosciuta solo fino al 3 gennaio 2022. Dopo questa data, è necessario un richiamo". , hanno sottolineato le autorità.

In accordo con "Regola 2 G", entrato in vigore l'8 novembre, tutte le persone, compresi i viaggiatori, sono ora tenute a fornire una prova valida di recupero o vaccinazione per poter accedere a diverse aree interne dell'Austria, come bar, ristoranti e musei, tra gli altri .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.