Le compagnie aeree europee criticano la misura dell'UE per ridurre la validità del certificato digitale dell'UE COVID-19 a 9 mesi

0 387

Il rappresentante delle compagnie aeree europee, Airlines for Europe (A4E), ha invitato i governi dell'UE a rifiutarsi di introdurre nuove restrizioni di viaggio e a mantenere la libertà di movimento nei 27 paesi dell'Unione europea.



In un comunicato stampa, A4E ha reagito duramente alla decisione della Commissione Ue di abbreviare la validità dei certificati di vaccinazione e di richiedere una terza dose (dose di richiamo) al fine di mantenere lo stato di vaccinazione completo in modo che possa viaggiare attraverso i 27 paesi.

Inoltre, Airlines for Europe (A4E) ha accolto con favore la proposta di abolire la lista bianca da marzo 2022. Secondo l'autorità, questo cambiamento migliorerà la prevedibilità per i viaggiatori internazionali che pianificano i loro viaggi stabilendo regole chiare sui requisiti di viaggio.

Tuttavia, A4E non è d'accordo con il metodo di codifica a colori adottato dall'ECDC. Secondo il comunicato stampa, secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), le restrizioni ai viaggi non influiscono sulla diffusione del COVID-19 in Europa. Pertanto, l'implementazione del sistema di codifica a colori non è necessaria e i governi dovrebbero imporre regole di ingresso basate sullo stato di vaccinazione dei viaggiatori.

recentemente, L'ECDC ha affermato che la situazione del COVID-19 nei 27 paesi è peggiore che mai. Sulla base della recente dichiarazione, l'Agenzia europea per la salute ha dimostrato che la maggior parte degli Stati membri dell'UE - Austria, Belgio, Repubblica ceca, metà della Bulgaria, Croazia, Estonia, Irlanda, Islanda, Polonia, Paesi Bassi, Lettonia, Lituania, Grecia, Ungheria , Liechtenstein, Slovenia e Slovacchia - sono attualmente nella lista rosso scuro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.