L'Europa riaprirà le frontiere per i turisti vaccinati o immunizzati

0 2.251

L'Europa riaprirà le frontiere per i turisti vaccinati o immunizzati. Secondo gli ultimi piani della Commissione europea, l'UE ha deciso di riaprire i confini dell'UE per i turisti che viaggiano verso paesi con bassa infezione da COVID-19 e chiunque sia stato completamente vaccinato dall'inizio di giugno. I funzionari hanno confermato che i confini dell'UE saranno riaperti entro giugno 2021 al più tardi e l'accordo dovrebbe essere richiesto a tutti gli Stati membri alla fine di questo mese.

Poiché il tasso di vaccinazione è in costante aumento negli Stati membri dell'UE, i funzionari della Commissione hanno affermato che è tempo di allentare le norme sui viaggi non essenziali.

L'Europa riaprirà le frontiere per i turisti vaccinati o immunizzati.

Secondo le nuove regole, i requisiti da testare per COVID prima o dopo l'arrivo e / o da mettere in quarantena potrebbero ancora essere applicati dagli stati, ma individualmente. Tuttavia, i funzionari hanno affermato che se la situazione continua a migliorare e il tasso di vaccinazione aumenta, si potrebbe anche prendere in considerazione l'eliminazione graduale di ulteriori condizioni.

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha detto che è giunto il momento di rilanciare l'industria del turismo. Ha osservato che l'UE ha deciso di ricevere i turisti vaccinati e quelli provenienti da paesi che non presentano un alto rischio epidemiologico. Tuttavia, ha osservato che se emergono nuove tensioni, l'UE dovrà agire rapidamente e attuare fermate di viaggio urgenti.

I vaccini prodotti in Russia e Cina, Sputnik e Sinopharm, non sono ancora approvati in Europa.

Dallo scorso anno sono in vigore severe restrizioni per coloro che desiderano recarsi nell'UE. Secondo le proposte della Commissione, gli Stati membri consentirebbero il viaggio nell'UE per le persone che hanno ricevuto l'ultima dose di un vaccino autorizzato almeno 14 giorni prima dell'arrivo. I vaccini prodotti in Russia e Cina, Sputnik e Sinopharm, non sono ancora approvati dall'Agenzia europea per i medicinali.

Inoltre, i bambini esclusi dalla vaccinazione potranno viaggiare con i genitori vaccinati solo se hanno un test PCR COVID-19 negativo eseguito non prima di 72 ore prima dell'arrivo. Tuttavia, anche coloro che non sono stati completamente vaccinati potranno entrare nell'UE se provengono da un paese con una buona situazione epidemiologica. Finora, solo l'Australia, la Nuova Zelanda, il Ruanda, Singapore, la Corea del Sud e la Thailandia sono sulla lista verde che consente viaggi non essenziali nell'UE.

La Commissione propone inoltre di aumentare la soglia per il tasso di notifica dei casi COVID-19 di 14 giorni da 25 a 100. Il tasso del Regno Unito è di circa 23.2 per 100.000 persone. Un alto funzionario ha detto che il Regno Unito potrebbe essere aggiunto alla lista verde, ma dipenderà da ogni paese se consentirà ai cittadini britannici l'accesso al territorio del paese.

La Commissione redigerà un elenco di certificati di vaccinazione approvati rilasciati da paesi extra UE.

I funzionari hanno aggiunto che anche Israele sarebbe nella lista verde, dato il basso livello di infezione. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, sebbene il paese non sia sulla lista verde, l'UE ha registrato un alto tasso di vaccinazioni. Se la situazione epidemiologica di un paese extra UE peggiora rapidamente e, in particolare, se viene rilevato un altro ceppo, uno Stato membro potrà sospendere urgentemente e temporaneamente tutti i viaggi di cittadini extracomunitari.

Le uniche eccezioni sarebbero gli operatori sanitari, il personale dei trasporti, i diplomatici, i passeggeri in transito, coloro che viaggiano per motivi familiari imperativi, i marittimi e le persone bisognose di protezione internazionale o altri motivi umanitari. Sarebbero invece sottoposti a severi test, anche se vaccinati.

Un portavoce del governo britannico ha affermato che garantire un viaggio gratuito con i partner europei è di vitale importanza, motivo per cui il Regno Unito si è impegnato con la Commissione europea nella riapertura delle rotte di viaggio nel Regno Unito. Secondo il piano del governo del Regno Unito per allentare le restrizioni imposte, i viaggi internazionali di piacere potrebbero riprendere dal 17 maggio.

Questa settimana dovrebbe essere rivelata e a "Sistema semaforico", in cui i paesi verranno aggiunti alle liste verde, ambra e rossa, con regole diverse su questioni come la quarantena dei viaggiatori che rientrano nel territorio britannico.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.