La Croazia ha fissato la validità dei certificati di vaccinazione COVID-19 a 210 giorni

0 197

La Croazia è il primo Paese in Europa, e probabilmente nel mondo, ad aver fissato la validità dei certificati di vaccinazione COVID-19 a 210 giorni. Secondo l'annuncio delle autorità croate, a tutti i passeggeri sarà vietato l'ingresso nello stato balcanico a meno che non risultino negativi alla PCR o al test dell'antigene nel contesto di più di 210 giorni dalla somministrazione della seconda dose. autorità.

" I passeggeri devono essere in possesso di un certificato attestante di aver ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer, Moderna o Gamaleya, in base al quale possono entrare nella Repubblica di Croazia entro 22-42 giorni dalla ricezione del vaccino o da 22 a 84 giorni dal ricevimento della prima dose di vaccino AstraZeneca", è mostrato nel comunicato stampa diffuso dal governo.

A causa dell'ultima decisione della Croazia, circa 528 viaggiatori slovacchi, tra cui il presidente slovacco Zuzana Čaputova, che ha ricevuto il suo secondo vaccino il 21 gennaio, avranno tempo per visitare la Croazia solo fino al 16 agosto.

Tale decisione è stata presa nel tentativo di rilanciare il settore turistico, che è stato significativamente colpito dalla pandemia. Il 20% del reddito del paese dal settore turistico proviene da stranieri che visitano il paese durante la stagione estiva.

Tuttavia, il traffico turistico dipenderà dalla situazione epidemiologica in Croazia e in altri paesi. La Croazia è attualmente nella lista arancione secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), sollevando preoccupazioni tra le autorità croate che una tale situazione potrebbe portare a un possibile calo della domanda turistica.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.