Si consiglia agli americani di evitare di viaggiare in Spagna, Portogallo e Cipro

0 150

Il Dipartimento degli Stati Uniti e i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno esortato i cittadini statunitensi a evitare di effettuare viaggi in tre paesi dell'UE - Spagna, Portogallo e Cipro - a causa dell'aumento del tasso di infezioni da coronavirus nei loro territori.

Il rischio di contrarre COVID-19 e sviluppare sintomi gravi può essere inferiore se sei completamente vaccinato con un vaccino approvato dalla FDA. Prima di pianificare qualsiasi viaggio internazionale, ai viaggiatori viene chiesto di consultare le raccomandazioni specifiche del CDC per i viaggiatori completamente vaccinati e non vaccinati.

Si consiglia agli americani di evitare viaggi in Spagna, Portogallo e Cipro a causa dell'elevato numero di casi.

Questo consiglio dato dai funzionari contro i viaggi in questi paesi dell'UE è stato fatto a seguito delle dichiarazioni di un funzionario della Casa Bianca, il quale ha affermato che gli Stati Uniti non intendono revocare il divieto di ingresso dei viaggiatori provenienti da uno dei paesi Schengen. , nonostante le affermazioni del presidente Joe Biden che il divieto potrebbe essere revocato presto.

Solo il lunedì, Spania ha segnato un'incidenza di 14 giorni di 700 infezioni ogni 100.000 abitanti, che è la più alta del paese dall'inizio di febbraio. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, in Spagna sono stati rilevati un totale di 4.249.258 casi di COVID-19 dallo scoppio della pandemia, di cui 4.162.304 hanno provocato la morte. Il Paese ha riaperto le frontiere ai turisti statunitensi alla fine di giugno di quest'anno, su raccomandazione del Consiglio dell'UE.

I viaggiatori spagnoli e portoghesi hanno recentemente dovuto affrontare restrizioni all'ingresso a causa dell'aumento dei casi di COVID-19 nei loro territori.

în Portugalia, d'altra parte, prevalgono tra le altre varianti i casi della variante Delta, che rappresentano circa l'86% dei casi identificati nel paese e il 100% dei casi identificati a Lisbona, dall'inizio di questo mese, ha riferito l'Istituto Nazionale di Sanità Riccardo Jorge. Molti altri paesi, tra cui Francia, Repubblica Ceca e Belgio, applicano restrizioni di ingresso più severe agli arrivi in ​​Portogallo.

Cipro lunedì ha segnato 851 casi, portando il numero totale di infezioni da COVID-19 a 98.569. Il paese impone anche restrizioni di viaggio più severe per impedire la diffusione del virus. Solo la scorsa settimana, le autorità cipriote hanno rimosso Liechtenstein, Francia, Danimarca e Finlandia dall'elenco dei paesi considerati sicuri in base alla loro situazione epidemiologica dopo che questi paesi hanno riportato un aumento del numero di infezioni da COVID-19.

Entro il 31 luglio i cittadini e i residenti ciprioti devono presentare un "SafePass" per tutti i luoghi che visitano al chiuso e all'aperto, dove, secondo i protocolli sanitari, possono radunarsi più di 20 persone. "Safe Pass" contiene il certificato attestante la vaccinazione, che il titolare ha superato la malattia o il risultato negativo del test PCR non più vecchio di 72 ore. Deve essere presentato in tutti i punti vendita, compresi supermercati e mercati pubblici, ma non nei piccoli negozi individuali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.